Tips

Lavorazione del metallo, artigianato, tecnica e cultura

Un po’ di dritte che ho ricordato di appuntare. Molte sono usate da alcuni, alcune sono usate da molti, non tutte sono conosciute da tutti e Socrate è mortale.

A sinistra, un modo per tenere in posizione un bracciale mentre zigrino
lo sfondo. Un cordino con un peso lo trattiene sulla spina.

Un modo per fissare lo stocco al ripiano del banco (o altro tavolo). Il gradino scontra il bordo del tavolo e tiene sotto livello il morsetto.

Qui sotto un gancio da una fresetta rotta, messa in manipolo per torcere la gavetta (fil di ferro).
In basso, per fare più anelli di una certa misura, si può infilare un tubetto del diametro adatto su un cono della pinza tonda. Eventualmente un po’ di nastro adesivo aiuta nel fitting

Per evitare di tagliarsi e non segnare il metallo, quando si deve sforzare, per tagliare in curva, conviene tenere la lastra con un pezzo di cuoio.

Per allargare un anello, conviene inserire l’aggiunta a incastro, molto semplice da fare. Poi spingendo l’anello sulla spina per allargare l’apertura, ci s’infila l’aggiunta che così è tenuta ferma dalla tensione del gambo che vorrebbe richiudersi.

Il sistema a incastro conviene spesso per fedi saldate o per stringere un anello.

Sotto, per evitare che una volta che la punta passi lo spessore, il mandrino urti e
segni la superficie, si può usare un pezzetto di cuoio a protezione.

Questo è il tipo di incastro per sovrapporre ortogonalmente due tratti di filo

Per evitare che un pezzo (un anello) scivoli mentre lo si lima, conviene infilare in un foro un pezzetto di filo d’ottone contro cui scontrare il pezzo. La lima che ci vada sopra, non ne soffre; quando il filo è ridotto al minimo, si cambia.

Per i sobri, tre misure di lame possono bastare. Un contenitore per spezie con un coperchio adattato funziona bene.

Usare le lame spezzate è pratica comune. Conviene ricuocere dove la lama s’è spezzata prima di serrarla.

La mano che fa più fatica è quella che tiene il pezzo. Se lo stocco lo permette, l’uso di una grossa pinza a molla aiuta.

Se il disco scivola, provate a usare una
rondella ritagliata dalla carta abrasiva.

Un modo per fissare il tubetto all’estremità di una lastrina.

Per le linee dritte uso un bulino invertito che faccio scorrere di fianco a una guida.

Per stringere col fil di ferro un anello da saldare, se ha un sezione semitonda,come le fedi, non si usa un filo unico. Si usa un filo più sottile che a distanze ravvicinate si unisce con un paio di giri in modo che i fili liberi si accomodino a fianco del centro della fede e la parte unita resti al cento.

Un modo per fare l’attaccaglia. Fra i due fori all’estremità, si inserisce un tubetto con uguale diametro dei fori. Un ribattino chiude senza stringere oltre lo spessore del tubetto.